MicroShading
MicroShading

Microshading

Il microshading è una tecnica per sopracciglia nota anche con il termine di Powder Brows. Si tratta di un tipo di trucco semipermanente ideale per le donne che desiderano ottenere sopracciglia definite con un effetto sfumato particolarmente elegante.

Il trattamento è indicato per chi ha pochi peli o li ha assenti e desidera ricostruire le sopracciglia, ma è adatto anche a chi ha già sopracciglia folte ma desidera una linea maggiormente definita. Grazie al microshading è possibile realizzare sopracciglia con sfumatura effetto ombretto più o meno intensa, in base alle proprie esigenze.

La tecnica, nata negli Stati Uniti, si sta diffondendo sempre più anche perché è indolore e ideale per coloro che non desiderano sottoporsi ad interventi invasivi. Ottima scelta per chi ha la pelle molto sensibile, non stressa e non è aggressiva e non genera allergie o arrossamenti.

Microshading

Per eseguire la tecnica di microshading viene utilizzato il dermografo, un attrezzo elettrico dotato di un ago sottile con il quale vengono effettuati dei minuscoli fori sullo strato superficiale della pelle per introdurre il pigmento di colore. Il trattamento viene effettuato in un’unica seduta e a distanza di un mese, quando il colore ha assunto la sua tonalità finale, viene effettuato un ritocco.

Il trattamento è indolore e non occorre neanche usare pomate lenitive. I pigmenti impiegati sono di nuova generazione, sono sintetici e liquidi e mantengono il colore senza alterarsi anche a distanza di tempo.

Come accade per tutte le altre tecniche di trucco il risultato non dura per sempre e i pigmenti vengono riassorbiti gradualmente dall’organismo. Il microshading consente di ottenere un effetto ancora più preciso  rispetto al microblading e il risultato dura perfino più a lungo.

Microshading sopracciglia

Le sopracciglia sono un elemento molto importante del viso, lo incorniciano e rendono lo sguardo ancora più profondo. Riescono anche a migliorare l’espressione e a definire meglio i tratti del viso. Curarle è dunque indispensabile, ma spesso c’è poco tempo per farlo.

Con la tecnica di microshading è possibile realizzare un tatuaggio sfumato che dura a lungo, molto più di altre tecniche. Il pigmento sintetico e liquido usato per il microshading viene inoculato nello strato più superficiale del derma grazie ad un apposito strumento munito di diverse punte.

I buchi vengono tutti riempiti con questa tecnica e l’arcata sopraccigliare viene ridefinita. Il risultato finale è assolutamente naturale e tridimensionale, e a beneficiarne è il viso che appare più bello e armonioso.

Differenza tra microblading e microshading

Sono due le tecniche estetiche che rientrano nella categoria del trucco permanente, il microblading e il microshading. Entrambi sono due interventi basati sulla dermopigmentazione che vengono realizzati assecondando le esigenze del cliente in base ai lineamenti e al problema da risolvere. Le due tecniche consentono di definire meglio le sopracciglia e di infoltirle quando sono rade o addirittura assenti a causa di diradamento naturale, alopecia, cattiva epilazione e altro.

Le differenze fra le due tecniche sono le seguenti: nel microblading vengono realizzati dei singoli tratti manualmente, e vanno a simulare l’effetto dei peli naturali. L’attreezzo utilizzato è a forma di penna ed è dotato di tante microlame che introduco il pigmento.

Invece, nel microshading vengono tatuati dei piccoli puntini con l’ausilio di un macchinario che è il dermografo. Nella realizzazione dei peli viene sfruttata l’ombra di quelli esistenti e l’effetto finale ottenuto è più sfumato, tale da rendere le sopracciglia ancora più folte e naturali. L’effetto dato dalla tecnica di microshading rispetto al microblading è quello di una profondità ancora più realistica.

Microshading e microblading

Anche se microshading e microblading hanno come base la stessa tecnica tuttavia i trattamenti vengono eseguiti in maniera diversa. Con il microblading vengono creati manualmente i peli uno per uno, mentre con il microshading viene usato il dermografo che va a creare dei piccoli puntini tra i peli delle sopracciglia.

In questo modo la forma del sopracciglio si costruisce gradualmente e man mano diventa più pieno e definito. L’effetto finale è un trucco delicato e morbido, simile a quello di un ombretto in polvere sfumato. Per eseguire il trattamento di microshading bastano due sedute, la seconda da eseguire a distanza di circa un mese. Nella prima seduta viene eseguito il tatuaggio completo, mentre nella seconda vengono ritoccati le parti già trattate.

La prima seduta è preceduta da un colloquio preliminare in cui l’estetista verifica che la cliente non sia in gravidanza o in allattamento e che non abbia disturbi incompatibili con la tecnica del microshading: problemi di coagulazione, diabete, malattie infettive o tendenza alla formazione di cheloidi. La persona, inoltre, non deve aver seguito cicli di radioterapia o chemioterapia nei 5 anni precedenti al trattamento. Se non vengono riscontrati problemi, si fissa la sessione di microshading.

Prezzo

MicroShading prezzo: Il microshaming è il trattamento ideale per avere sempre sopracciglia perfette e non dover passare minuti interminabili la mattina nel sistemarle. Il prezzo del trattamento può costare all’incirca dai 400 ai 650 euro, ma varia in base a fattori come lo stato delle sopracciglia e anche in base alla fama del pigmentista che deve effettuare il microshading.

Costo

MicroShading costo: La seduta iniziale dura circa due ore e a distanza di circa 50 giorni va fatta la seconda, obbligatoria, che serve per ritoccare i colori già fissati. Il costo della seconda seduta può variare dai 50 ai 150 euro. In totale il costo è dunque di circa 500/800 euro, ma come detto prima varia a seconda del professionista o del centro a cui si sceglie di affidarsi per eseguire il trattamento.